02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Moët et Chandon, Aoc Champagne Brut Dom Pérignon Vintage 2010

Vendemmia: 2010
Uvaggio: Pinot Nero, Chardonnay
Prezzo allo scaffale: € 160,00
Azienda: Moët et Chandon
Proprietà: LVMH
Enologo: Vincent Chaperon
Territorio: Champagne

Chiamatela pure la prova del 10. Scomponibile in otto più due. Perché queste cifre? Beh, perché in Champagne sono quelle delle annate top d’avvio di secolo. Per cui si son spesi commenti tipo: 2002, il classico ideale; 2008, un hit per forza ed equilibrio. Ben altro invece il profilo della 10. Vendemmia ardua, ingrata. E complicata in casa Dom dalla successione (affettuosissima, ma fresca e importante) tra Richard Geoffroy e Vincent Chaperon. Dunque, doppia sfida: restare ai livelli del brand, e salvare sin dove possibile la linea produttiva (il Dom si fa sempre, e con tirature un dì impensate) varata da Geoffroy. Lavorando su un’annata partita fresca e rimasta tale fino a estate inoltrata, ma per annegare, da Ferragosto, sotto vere bombe d’acqua. Il seguito è stato guerra: anticipando il grosso della vendemmia e portando a casa in primis lo Chardonnay, visto che il Pinot “eleggibile” era già scarsino. In compenso, la somma tra anticipo e fresco pre diluvi ha dato un’uva bianca tirata in acidità e ampiezza, e precursori d’aromi non bruciati. Il risultato? In divenire, ma già centrato sui fondamentali: erbe officinali, frutta bianca e tropicale, lieve tostato al naso; impatto deciso d’agrume, tattilità e salinità al gusto, con finale di buccia d’arancia e papaya. Un vino a suo modo bipolare, tosto ed elastico insieme, e dal futuro che si prospetta nettamente superiore alle prime attese.

(Antonio Paolini)

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli