02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Montenidoli, Docg Vernaccia di San Gimignano Carato Riserva 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Vernaccia
Bottiglie prodotte: 4.000
Prezzo allo scaffale: € 30,00
Proprietà: Maria Elisabetta Fagiuoli
Enologo: Maria Elisabetta Fagiuoli
Territorio: San Gimignano

Nella denominazione della Vernaccia, vaso di coccio bianchista tra i vasi di ferro rossisti della Toscana enoica, senza dubbio brilla Elisabetta Fagiuoli e la sua cantina, interprete magistrale del territorio di San Gimignano. Un’avventura enologica cominciata nel 1965, che ha condotto Montenidoli, 24 ettari di vigneto per una produzione complessiva di 100.000 bottiglie, a rappresentare, senza se e senza ma, una delle più autentiche e coerenti realtà di tutta l’enologia del Bel Paese. A definire l’identità e l’originalità della produzione bianchista di Montenidoli, tre distinti modi di “sentire” la Vernaccia: “Tradizionale” (macerata sulle bucce come, appunto, vuole la tradizione), “Fiore” (ottenuta da mosto fiore e affinata in acciaio), “Carato” (vinificata e invecchiata per 12 mesi in legno). Un caso raro di assoluto rigore interpretativo, in cui i vini stessi sono i testimoni di un lavoro quasi “filologico”, che ha caratterizzato il proprio percorso non cedendo mai alle mode passeggere, alle facili lusinghe del mercato o a contraddittorie mediazioni. La Vernaccia Carato Riserva 2016, il cui nome fu suggerito da Luigi Veronelli a sottolineare da un lato il legame con la tradizione dei “caratelli” toscani e dall’altro il suo essere vino prezioso, è davvero un cavallo di razza dal naso iodato e floreale e dalla bocca solida e reattiva, quasi salata, dal finale tipico di mandorla fragrante.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli