02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
HOSPICES DE BEAUNE

Nuovo record per l’“Hospices de Beaune” by Christie’s : oltre 14 milioni di euro raccolti

L’annuale asta benefica dei vini di Borgogna, la n. 158, ha venduto tutte le 833 barriques, per un prezzo medio di 16.850 euro (+19% sul 2017)

Il terzo fine settimana di novembre per i collezionisti di vino di tutto il mondo significa solo una cosa: la “Vente des vins des Hospices de Beaune”, l’appuntamento fisso di Christie’s arrivato al n. 158. Che quest’anno ha battuto il record del 2017, raggiungendo i 14,18 milioni di euro (contro i 13,5 milioni dell’anno scorso) raccolti, per 833 barriques vendute. Nel 2017 il record c’era stato anche per l’ambito “Cuvée des Présidents”, battuto per 420.000 euro: quest’anno il prezioso Corton Grand Cru Clos du Roi ha raggiunto “solo” i 230.000 euro, offerti da Anima Vinum Brazil, importatore in Brasile di vino di Borgogna. Grande successo ancora per Bâtard Montrachet, che ha venduto cinque barriques di Cuvée Dames de Flandres a 135,000 euro la più costosa, due a 132,000 euro, e a 131.000 e 130.000 euro.
Un grande successo all’asta benefica francese dei vini di Borgogna, come sempre, nata per il mantenimento dell’Hospices, fondato nel XV secolo dal cancelliere del duca di Borgogna, Nicolas Rolin: il numero di barriques vendute all’asta è il più alto degli ultimi anni, ben 833, contro le 787 del 2017, che già erano 200 in più degli anni precedenti. Ma anche il prezzo medio a botte è salito: se nel 2017 era 16.657 euro, questa volta ha raggiunto i 16.850 euro, +19% (ma non ha superato il record assoluto del 2015, ben 18.880 euro).
“Il 10 novembre del 1918, l’asta enoica Hospices de Beaune - ha commentato François Poher, direttore di Hospices de Beaune - ruppe tutti i record, incoraggiata dalle celebrazioni della pace (della fine della Grande Guerra, ndr), ma anche grazie all’abbondante vendemmia, in quantità e qualità. Un secolo più tardi, l’asta ha raggiunto nuovi record. Ogni giorno, gli ospedali dell’Hospices de Beaune prosperano per raggiungere l’eccellenza. Questo si fonda su oltre cinque secoli di impegno di donne e uomini a favore di questa importante causa. Il risultato di questa vendita - ha concluso - ci darà la possibilità di investire per i pazienti e di innovarci”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli