02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ORNELLAIA E LA STELLA MICHELIN

Ornellaia, da cantina-griffe di Bolgheri alla stella Michelin del ristorante a Zurigo

La griffe della famiglia Frescobaldi ha usato la formula della toscanità per il suo primo ristorante, già entrato nell’Olimpo dell’alta ristorazione

All’Ornellaia, cantina simbolo di Bolgheri e dell’Italia del vino d’eccellenza, tra le griffe più conosciute e amate del mondo, non bastava scalare la vetta dell’enologia d’alto livello, riempiendo la sua storia di riconoscimenti e premi: l’azienda vitivinicola della famiglia Frescobaldi ha voluto provare, e c’è riuscita a pieni voti, a conquistare il mondo dell’alta ristorazione. Il suo primo ristorante, il “Ristorante Ornellaia” a Zurigo, vicino alla Bahnhofstrasse, una delle vie più lussuose ed esclusive del mondo, ad appena 10 mesi dalla sua apertura ha già ricevuto la prima stella Michelin, il riconoscimento più prestigioso del mondo in materia di ristorazione. Dal 1985, anno della prima vendemmia, Ornellaia è diventata simbolo del vino di Bolgheri e di toscanità: così la proprietà ha voluto portare anche in Svizzera un angolo della regione, con l’aiuto dell’architetto Tilla Theus, che ha cercato di creare un “assaggio” di Ornellaia e l’inconfondibile atmosfera della Toscana; un paesaggio di persone, cibo e vino. Un progetto importante, per il quale è stato scelto uno chef italiano dello stesso spessore, Giuseppe D’Errico, che dopo la specializzazione ad Alma con il maestro Gualtiero Marchesi e varie esperienze affianco ad alcuni dei più grandi chef del mondo, è approdato in questo angolo d’Italia in Svizzera.
“Sono stati dieci mesi intensi - dichiara Giuseppe D’Errico, Chef Ristorante Ornellaia - abbiamo lavorato col pieno sostegno della proprietà, io ho personalmente messo tutta la mia italianità e l’esperienza acquisita in Alma e in Francia, il resto l’ha fatto la mia equipe che è stata capace di dare tutta la sua passione e dedizione per il lavoro che amiamo”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli