02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Padelletti, Docg Brunello di Montalcino 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Sangiovese
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 42,00
Proprietà: Claudia Padelletti
Enologo: Antonio Mori
Territorio: Montalcino

La cantina di Montalcino che porta questo nome è stata una tra le prime a vinificare e a credere nel Sangiovese come unico vitigno per produrre un rosso da invecchiamento che andasse ad affiancare il Moscadello, il vino storico dell’areale. La famiglia Padelletti possiede salde radici a Montalcino e nel suo albero genealogico si sono susseguiti nei secoli medici, avvocati, giudici, professori universitari a dare lustro a questa piccola realtà della parte meridionale del senese. Ancora oggi, la cantina si trova nel centro del paese, retaggio di un’antica tradizione sempre più rara da trovare ancora intatta, con i vigneti, sei ettari, invece, che si trovano tutti sul versante nord del quadrante della denominazione, per una produzione limitata alle 10.000 bottiglie all’anno. La cifra stilistica dei vini è di stampo tradizionali, con i vini invecchiati in botti grandi da 25 e 30 ettolitri. Il risultato sono Brunello dai profumi antichi e generosi al gusto, dall’impatto austero e rigoroso, tendenzialmente reticente all’inizio, ma capaci di esprimersi in tutta la loro forza dopo un ulteriore affinamento in bottiglia. Il risultato dell'annata 2016 è un Brunello che all'olfatto è più incline agli aromi vegetali che fruttati, donando un certo rigore che incuriosisce e che soddisfa la bocca, grazie ad un sorso elegante e sinuoso, che si muove a suo agio fra morbidezze e durezze, regalando un lungo ritorno fruttato e balsamico.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli