02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama / Economy

Questione di Etichetta - Deliella, un rosso baciato dal sole ... Il Feudo Principi di Butera è un’antica tradizione. Alla fine dell’Ottocento, il loro latifondo era enorme e comprendeva contrade dai nomi affascinanti, come Faino, Carruba, Milingiana, Disusino, Radalì, Gurgazzi, Deliella. Proprio da quest’ultima prende il nome l’etichetta di punta dell’azienda. Il Deliella è un vino ottenuto da uve di Nero d’Avola, probabilmente il più noto dei vitigni tipici della Sicilia. I terreni nella parte meridionale del comune di Riesi, in provincia di Caltanissetta, a circa 200 metri di altitudine, sono costituiti da marne biancastre dette trubi miste a breccia argillosa e arenarie silicee. Il clima è caldo, asciutto e temperato dalle correnti del mare che dista pochi chilometri. Una situazione ottimale per produrre uve di grande pregio che, raccolte a mano la terza settimana di settembre, selezionate e sapientemente lavorate nelle moderne cantine dell’azienda, trasferiscono le loro qualità al vino, dopo attenta fermentazione a temperatura controllata. Il Deliella 2001 è un vino igt, ovvero a indicazione geografica tipica, pronto dopo una maturazione di 12 mesi, la metà dei quali avviene in piccole botti di rovere di Allier e di Troncais, l’altra metà in grandi botti da 60 ettolitri di rovere di Slavonia. Infine 12 mesi di affinamento in bottiglia. Presenta colore rosso rubino piuttosto scuro e brillante. Il profumo è ampio e persistente e vi si avvertono intensi sentori speziati con la mandoria che richiama l’origine siciliana. Il sapore risulta asciutto, ben strutturato, rotondo. Le 18300 bottiglie prodotte si acquistano a 40 euro circa. Tre indirizzi utili: da La Botticella a Milano in Via Battistotti Sassi 2 (tel. 02/70128379), a Roma da Trimani in Via Goito 20 (tel. 06/4469661) e all’enoteca Garden di Riesi in Via Cavour 125.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su ,

Altri articoli