02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama / Economy

Tra alambicchi e grand cru ... E’ questo il periodo migliore per scoprire i tre regni vinicoli francesi: Armagnac, Champagne e Borgogna. Tra cantine, maison e castelli Economy propone un itinerario dedicato agli intenditori, ma non solo...

...Antico Armagnac
Il più pregiato, aromatico e antico distillato dl vino nasce nell’alambicco continuo tradizionale armagnacais. Invecchia anche per decenni in botti e fusti di legno (da cui acquisisce il colore), perdendo nell’evaporazione la “parte degli angeli”. È Io chef de chal (maestro di cantina) a stabilire poi il blend migliore, da sorseggiare meditando. L’Armagnac è conosciuta anche come Guascogna ed è la regione dei moschettieri. Tradizione vuole che l’armagnac sia la più antica acquavite del mondo. L’area in cui si trovano i vigneti più quotati è a sud.

Champagne ad Arte
Pinot noir, pinot meunier e chardonnay sono gli unici vitigni ammessi per la creazione delle bollicine più fini, persistenti e desiderate. Il miracolo dello champagne, da consumare a tutto pasto, risiede nel terreno gessoso della regione, nella doppia fermentazione causata dal liqueur du tirage, nella ricetta del Liqueur d’expedition con cui viene rabboccata la bottiglia dopo il degorgement e nella sapienza dello chef de Cave (il maestro di cantina). L’area di produzione dei famosi spumanti della Champagne è ben definita e rappresenta il 3% dei terreni destinati alla viticoltura: è a sud-est di Parigi ed è la stessa che fu consacrata da una legge del 1927.

I fermi di Borgogna
I migliori vini fermi del mondo prediligono la Borgogna. E se per i non esperti è difficile orientarsi nei disciplinari che regolano A.O.C. (equivalenti d’oltralpe delle Doc), Villages, ler cru e grand cru, basti sapere che l’amore per la terra, il rispetto per la vigna, la tradizione secolare in cantina rendono unici i nettari locali...

Ente nazionale francese per il turismo
Tel. 899.199.072
www.franceguide.com
info.it@franceguide.com 

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su ,

Altri articoli