02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama / Economy

L’altro Cotarella che brinda con D’Alema ... Una famiglia di enologi quella dei Cotarella. Ancora prima di Renzo, a.d. in casa Antinori, a restare folgorato dalla passione per il vino è stato il fratello Riccardo, 62 anni e, al suo attivo, una vasta e fiorente attività di consulente tecnico per cantine italiane ed estere. Un particolare che ha spinto alcuni suoi colleghi a definirlo “l’enologo con la valigia a portata di mano”. Piaccia o no, Riccardo Cotarella i galloni di bravo enologo ha dimostrato di averli tutti. Per avere realizzato, con Renzo, una grande azienda vinicola di proprietà tra Umbria e Lazio (Falesco: 200 ettari e 3 milioni di bottiglie) e soprattutto per avere contribuito a fare il successo enologico dei suoi committenti. Nomi di grido dai gioiellieri Bulgari (con la tenuta Palazzone in Toscana) agli industriali dell’olio (Farchioni con Terra della Custodia), dai gruppi bancari (Intesa San paolo con tenute di Trequanda e Pucciarella) ai petrolieri (Moratti con tenuta Cicognola). Ma anche personaggi politici come Massimo D’Alema. L’ex presidente del Consiglio ha affidato a Cotarella il progetto di realizzare un vigneto in una piccola azienda agricola di 4 ettari acquistata di recente nella campagna umbra: l’obiettivo è fare entro tre-quattro anni un grande rosso e, subito dopo, uno spumante rosato. Non poteva che essere così. Prosit.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su ,

Altri articoli