02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Il nebbiolo di Plinio per palati unisex ... Che c’entra Novara con Varese, dove si tiene la mostra di Giorgio Morandi? Niente, se non che Varese non è zona con la vocazione del vino e bisogna percorrere 60 chilometri e cambiare in questo caso regione per arrivare al centro enologico più vicino. Ho perciò scelto Ghemme e la storica azienda di Alberto Arlunno, che traffica con le viti fin dal 1600. Qui si lavora da maestri il Nebbiolo in purezza. Vitigno nobile e scorbutico, soprattutto in queste colline ai piedi del Monte Rosa. Eppure, se Michelangelo seppe cavare tanti chiaroscuri dai suoi marmi duri e informi, Arlunno ha fatto altrettanto col Nebbiolo. Si prenda il vino di maggior prestigio, il Ghemme Collis Breclemae del 2000: non ricordo un Nebbiolo così morbido, così adatto ai palati unisex con abbinamenti vasti e e generosi. Piacerà alle donne anche il Signore Bayard Ghemme (stesso anno e stesso vitigno), mentre una solida austerità torna a farsi sentire con il fratello minore Collis Carellae 2000 (tanto latino si giustifica con la conoscenza che Plinio ebbe di queste vigne). Molto piacevole e robusto il rosato, mentre il Carolus bianco (Greco di Ghemme, Armeis e Chardonnay), ha un ottimo rapporto qualità/prezzo (info@cantalupo.net). Collis Breclemae Ghemme 33 euro; Signor di Bayard Ghemme 25 euro; Collis Carellae Ghemme 25 euro; il Mimo Colline Novaresi 9 euro; Carolus bianco 8 euro.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli