02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Il sommelier digitale ... Riesce a sapere tutto del vino senza stappare la bottiglia ... Concedersi il lusso di ordinare un’etichetta costosa
al ristorante e rimanere delusi: il vino non è all’altezza delle aspettative o, peggio, è quasi imbevibile.
Difficile capire l’origine del problema, almeno senza Wenda: “È un piccolo dispositivo che si applica al collo di una bottiglia e registra temperatura, inclinazione, quantità di luce a cui è stata esposta” racconta Antonio Catapano, ingegnere bolognese di origini foggiane. La sua invenzione ha una memoria interna che salva fino a sei anni di dati,
li invia a telefonini o tablet e, tramite gli algoritmi di un’applicazione anticipa quali alterazioni di sapore ha subito un rosso o un bianco senza stapparlo. Oppure segnala se è stato manomesso: se qualcuno, per esempio nel trasporto dalla Toscana all’Australia, ha cercato di sostituire un Brunello di Montalcino con un sottoprodotto da discount. Wenda è in fase di test e costerà anche meno di 10 euro: una cifra
accessibile per le pregiate eccellenze del made
in Italy degustate in tutto il mondo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli