02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Pasqua, Docg Amarone della Valpolicella Mai dire Mai 2013

Vendemmia: 2013
Uvaggio: Corvina, Corvinone, Rondinella, Oseleta
Bottiglie prodotte: 8.000
Prezzo allo scaffale: € 99,00
Proprietà: famiglia Pasqua
Enologo: Carlo Olivari
Territorio: Valpolicella

È una delle realtà più importanti del Veneto enoico che si è sviluppata, a partire dal 1925, intorno alla famiglia omonima di origine pugliese. Ovvio che si tratti di una realtà produttiva capace di evolversi e seguire con confortante puntualità i migliori sentieri dell’enologia veneta. Oggi, l'azienda conta su 322 ettari a vigneto per 15 milioni di bottiglie annue, declinate in un variegato portafoglio prodotti che comprende le maggiori denominazioni venete, interpretate anche con coraggiose declinazioni, ma mai sminuendo il legame con la tradizione più profonda. Attraverso la valorizzazione di areali come Castello di Montorio, Mizzole, Monte Vegro, dove nascono le etichette più ambiziose, la famiglia Pasqua punta alla riscoperta del carattere dei vini tradizionali della Valpolicella. Un’operazione condotta da Riccardo Pasqua e un gruppo di tecnici capace di individuare ed amplificare i vari timbri espressivi delle molteplici zone da cui arrivano le uve destinate alle etichette più rappresentative. Proprio dall’areale di Monte Vegro provengono le uve da cui è ottenuto l’Amarone Mai dire Mai 2013, affinato in barrique e tonneau per 24 mesi. Il suo profilo olfattivo è ampio e dal fruttato in confettura e sotto spirito con cenni speziati a rifinitura. In bocca, il sorso esordisce dolce e avvolgente, per poi continuare su toni più fragranti e contrastati fino ad un finale concentrato e intenso.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli