02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Poggio di Sotto, Docg Brunello di Montalcino 2015

Vendemmia: 205
Uvaggio: Sangiovese
Bottiglie prodotte: 22.000
Prezzo allo scaffale: € 150,00
Proprietà: Maria Iris Tipa Bertarelli, Claudio Tipa
Enologo: Federico Staderini, Luca Marrone
Territorio: Montalcino

Che al Gruppo ColleMassari e al suo vulcanico patron Claudio Tipa piaccia l’areale di Montalcino non pare proprio un mistero. Dopo il consolidamento di ColleMassari nel Montecucco e di Grattamacco a Bolgheri, l’azienda battente bandiera svizzera si è come “riversata” nella patria del Brunello. Le acquisizioni più recenti sono Tenuta San Giorgio, La Velona e La Bellarina, ma tutto è iniziato nel 2011 niente di meno che con l’acquisto di Poggio di Sotto, che non certo ha bisogno di presentazioni. Ha fatto bene il Gruppo ColleMassari a lasciare tutto come stava. Ecco allora vini che restano affascinanti e inarrivabili, austeri ed essenziali, talvolta difficili (ma stilisticamente definiti e per nulla propensi a concedersi alle mode enologiche) e un’azienda che continua a muoversi tra arcaismi e misurata tecnologia. Insomma, lo stile Poggio di Sotto procede spedito in continuità col passato, con la sua classicità ed il suo carattere inconfondibile, confermandosi come una delle realtà più significative di Montalcino. Non fa specie quindi che il Brunello di Montalcino 2015 si mostri vino “timido”, in un’annata tendenzialmente “aperta”, ma decisamente sorprendente se lo aspettiamo un po’ nel bicchiere. I profumi allora si fanno solari - tra frutti rossi maturi, spezie e lievi ricordi di pietra focaia - e la bocca sontuosa e scalpitante, dallo sviluppo serrato e dai chiaro-scuri in continua mutazione.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli