02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Prunotto, Docg Barbaresco Bric Turot 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 40,00
Proprietà: famiglia Antinori
Enologo: Gianluca Torrengo
Territorio: Barbaresco

Prunotto è il marchio di una cantina dalla lunga storia. Fondata da Alfredo Prunotto nel 1922, fu ceduta a Beppe e Tino Colla, affiancati da Carlo Filiberti nel 1956. Assume l’attuale assetto proprietario nel 1989, quando la griffe toscana Antinori l’acquista. Fino al 1994, occupandosi della sola distribuzione dei vini e poi, con il ritiro dall’attività dei fratelli Colla, anche della conduzione tecnica. Quest’ultimo passo ha spostato l’impostazione stilistica a marchio Prunotto verso connotazioni tendenzialmente più moderne. Oggi, la cantina, divisa tra lo stabilimento di Alba, dove convergono le uve provenienti dalle varie denominazioni, e la suggestiva cascina di Monforte d’Alba, dove si accolgono i visitatori, produce 800.000 bottiglie e conta su 55 ettari a vigneto nei territori di Langa e Monferrato, frazionati, come da tradizione, in piccoli appezzamenti e singoli Cru di proprietà. Tra questi si distinguono Bric Turot (da cui è ottenuto il Barbaresco oggetto del nostro assaggio), Costamiòle (per la Barbera di Nizza), Bricco Colma (dove è allevato l’Albarossa, incrocio tra Nebbiolo e Barbera) e Bussia (per il Barolo). Il Bric Turot 2016 possiede un sottofondo aromatico silvestre e balsamico, su cui si inseriscono piccoli frutti rossi, viola e sottobosco. In bocca, il sorso è articolato e succoso con tannini decisamente lunghi, vitali e levigati, a garantirne già grande bevibilità.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli