02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Siddùra, Isola dei Nuraghi Igt Cagnulari Bàcco 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Cagnulari
Bottiglie prodotte: 4.058
Prezzo allo scaffale: € 22,00
Proprietà: Nathan Gottesdiener, Massimo Ruggero
Enologo: Dino Dini
Territorio: Sardegna

Usato in passato per lo più come varietà da taglio, il Cagnulari è un vitigno sardo di antica coltivazione di incerta origine, che, dopo la scomparsa quasi totale della viticoltura nell’agro di Sassari, è allevato soprattutto nei terreni di Usini e nei comuni di Ossi, Tissi, Uri, Ittiri, Sorso, Torralba ed Alghero. Talvolta confuso con la Barbera, è coltivato anche in Gallura, dove è conosciuto come “Caldareddu”. Si tratta di una varietà abbastanza rara che Siddùra declina in una versione di immediata piacevolezza, affinata per 12 mesi solo in acciaio. Il Bàcco 2017, oggetto del nostro assaggio, possiede aromi di macchia mediterranea, muschio, frutta matura e pepe. In bocca, il sorso è morbido dalla trama tannica sottile e dall’impatto caldo e generoso. Siddùra nasce nel 2008 ed oggi gli ettari a vigneto sono 37 e si trovano nei pressi di Luogosanto dove sorge anche la cantina. Le fermentazioni sono spontanee in modo da valorizzare il terroir di appartenenza, su cui, evidentemente, si gioca la sfida di questa realtà, che attualmente produce 200.000 bottiglie all'anno. Non manca neppure la sperimentazione, per esempio, sui vasi vinari: dai contenitori di cemento a quelli di legno, passando per le anfore. Un’azienda, insomma, che in poco più di un decennio ha saputo costruirsi una buona reputazione e mettere in campo etichette convincenti, sia dal punto di vista stilistico che qualitativo.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli