02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Tenuta di Arceno, Toscana Igt Arcanum 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Cabernet Franc
Bottiglie prodotte: 20.000
Prezzo allo scaffale: € 90,00
Proprietà: Jackson Family Wines
Enologo: Lawrence Cronin, Pierre Seillan
Territorio: Toscana

Nella Tenuta che riporta a pensieri di vino, ma anche di vera bellezza (Arceno è tra i luoghi più suggestivi nell’area di cui Castelnuovo è capoluogo, e nei circa 1.000 ettari della proprietà nulla manca per ribadirlo, tra boschi e cipresseti, parco, lago, antiche case e preziosi oliveti) lavora una mini Onu enoica. Proprietà Usa, terroir più che mai toscano, finissage d’ispirazione bordolese affidata (in ambo con Lawrence Cronin) a Pierre Seillan, rodato guascone creatore a Sonoma del premiatissimo Verité e a lungo a St. Emilion in vari Chateau. L’esito? Una batteria che parte dai Sangiovese chiantigeni, affrontati con rispetto e volontà di non snaturare, e anzi rivendicare le stimmate di zona, per poi virare sui vessilli di Bordeaux lavorati in blend e in purezza: il Merlot Valadorna e - eccoci al punto - il Cabernet Franc Arcanum, un tempo “battezzato” con dosi variabili dei confratelli di Garonna, e oggi orgogliosamente in purezza: vitigno espressivo quanto suscettibile, capace di espressioni rustiche e brusche come di eleganza e volteggi da Nureyev. L’Arcanum 2016 (annata classica, tra le poche in un decennio tessuto di asperità climatiche più che di regolarità) ha l’elasticità del danzatore e il suo equilibrio, ma anche l’ossatura e il fiato del fondista: serio e sereno, varietale e territoriale insieme, vale il suo costo, e lo dimostrerà lungo un tragitto stimabile in decenni.

(Antonio Paolini)

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli