02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Tenute Silvio Nardi, Docg Brunello di Montalcino Vigneto Manachiara 2012

Vendemmia: 2012
Uvaggio: Sangiovese
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 60,00
Proprietà: famiglia Nardi
Enologo: Emanuele Nardi
Territorio: Montalcino

Se fu l'imprenditore umbro Silvio Nardi, addirittura negli anni Cinquanta del Secolo scorso, in qualche modo a scommettere "ante litteram" su Montalcino, poi tra i soci fondatori del Consorzio del Brunello di Montalcino nel 1967, è stata sua figlia Emilia a condurre, a partire dai primi anni Novanta, a buon diritto l'azienda di famiglia tra le cantine più significative della zona. Oggi Tenute Silvio Nardi è una realtà produttiva non secondaria dell'areale anche in termini numerici, forte di 80 ettari a vigneto per una produzione media di 250.000 bottiglie. I vigneti sono suddivisi tra le tenute di Manachiara, nel settore orientale della denominazione e Casale del Bosco nel versante nord-ovest, coprendo quindi due zone profondamente differenti in cui il Sangiovese si esprime con accenti diversi ma sempre affascinanti. Ad occupare il ruolo di vino bandiera aziendale resta saldamente il Brunello di Montalcino Vigneto Manachiara, realizzato per la prima volta nel 1995 e ottenuto dalle uve più "calde" del versante che corre nei pressi di Castelnuovo dell'Abate. La versione 2012 evidenzia un profilo olfattivo dal frutto integro e fragrante con toni affumicati e cenni speziati che donano ampiezza e dinamica al naso. In bocca, il vino ha sviluppo succoso con il frutto che torna al retrogusto, solo leggermente segnato da un po' di rovere in esubero, che rende il sorso, in questa fase, severo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli