02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Altro che birra, il Regno Unito è un mercato a trazione enoica: terzo sbocco commerciale per l’Italia (763 milioni di euro a valore), i volumi toccano le 303 milioni di tonnellate. Corrono le bollicine del Prosecco, rallenta il vino fermo

Il Regno Unito, terra di birra, ma storicamente protagonista del commercio enoico mondiale, conferma il suo forte legame con il vino e, a leggere i dati degli ultimi 5 anni, beve sempre più italiano, con un’autentica impennata delle bollicine di Prosecco e affini. Lo conferma un rapporto firmato dall’Ice e dalla sezione per la promozione del commercio dell’Ambasciata d’Italia a Londra, illustrato nella sede londinese dell’Italian Trade Agency. La premessa, di ordine generale, sottolinea come il mercato britannico, competitivo e aperto, data la necessità di importare da tutto il mondo a fronte di una produzione locale di fatto residuale, si consolidi come il terzo sbocco mondiale per il vino made in Italy (secondo in Europa) dopo Usa e Germania, con un valore annuo indicato per il 2017 a 763 milioni di euro. In termini quantitativi, la penisola ha superato tra i fornitori del Regno Unito persino la Francia, in passato “semimonopolista”, con oltre 303 milioni di tonnellate di prodotto esportate nel 2017 contro gli oltre 221 milioni australiani, i 189 francesi, i 135 spagnoli e i 111 milioni e spiccioli provenienti dai vigneti degli Usa.

In valore, Parigi resta invece in pole position, grazie al costo medio delle sue bottiglie di vino fermo, e ancor più dello Champagne tra le bollicine, con ricavi nel 2017 a 881 milioni di sterline contro i 628 milioni dell’Italia, i 256 della Nuova Zelanda, i 243 dell’Australia e i 238 della Spagna. Ma anche sotto questo profilo la forbice si è enormemente ridotta, se si considera che nel 2013 i vini francesi esportati oltre Manica “pesavano” per un miliardo e 125 milioni di sterline, e quelli italiani per 534 milioni.

Il rapporto evidenzia inoltre una curva positiva costante di crescita delle forniture italiane a livello di ricavi negli ultimi 5 anni. Dato che si riproduce anche sul piano quantitativo con l’unica eccezione di un rallentamento fra il 2016 e il 2017: ma sullo sfondo di un calo generale di consumi che ha riguardato tutti e cinque i primi Paesi fornitori. Scorporando le cifre, si osserva peraltro un assestamento in leggero ribasso dell’export di vino “tranquillo”, al suo picco nel 2014. Compensato tuttavia dal boom degli sparkling, cari ormai a una vasta platea dei sudditi di Sua Maestà: un settore in crescita costante fino a rappresentare il quintuplo delle forniture di Champagne e quasi a eguagliare nel 2017 il valore economico di mercato delle costose bollicine francesi. Il tutto, a dispetto di ricarichi stimati in media al 40% da parte degli importatori, al 50% dai negozi e addirittura fino al 300% nei ristoranti, sullo sfondo di un’interesse in piena ascesa sull’isola per la cucina italiana e mediterranea, come ricorda ancora il rapporto dell’Ice. E di “più frequenti periodi di svago nei Paesi di tradizione vitivinicola, che hanno contribuito a modificare gli stili di vita di una parte significativa della popolazione”. Un’ondata che, Brexit o non Brexit, può essere cavalcata ancora dai produttori, si rileva nel rapporto: puntando sia sui supermercati e sul consumo “di base”, sia sulla ristorazione d’alta gamma e su una clientela emergente sempre più raffinata aperta a “nuovi vini e nuove combinazioni”.

Info: www.ice.gov.it

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli