02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ca' del Baio, Docg Barbaresco Asili 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 7.000
Prezzo allo scaffale: € 38,00
Proprietà: Giulio Grasso
Enologo: Giuseppe Grasso
Territorio: Barbaresco

Il Barbaresco ha sempre vissuto all’ombra del Barolo nonostante l’instancabile lavoro di Domizio Cavazza al volgere del secolo, la fondazione della cantina cooperativa, i grandi vini fatti da Gaja e Giacosa poco dopo la Seconda Guerra mondiale e la rifondazione della cantina sociale da parte del prelato Don Cogno. Un grande Nebbiolo, senz’altro, ma forse un po’ meno autorevole e lungo del vicino al sud di Alba, e persino la valutazione attuale di Asili, Montestefano e Santo Stefano di Neive non hanno alterato il giudizio (sebbene un ettaro di Asili ora valga più di un milione). Su questa vigna, comunque, le idee sono chiare: vigneto splendido, Barbaresco femminile in contrasto con il potente Montestefano, profumo, classe, razza, finezza e comunque una spina dorsale che nessuno contesta. Tanto meno Giulio Grasso, la cui famiglia è presente sul luogo dal 1870. Quattro generazioni sono una bella prova e Asili è semplice il punto di diamante di una casa con 25 ettari di uva, una dozzina di proposte e quattro Barbaresco da proporre al mercato; c’è ne sono altri tre benché l’Asili troneggi su tutti. Vinificazione e affinamento tradizionale-moderni: 60 giorni sulle bucce, 24 quattro mesi in botti grandi e tonneau francesi, spezie, liquirizia e goudron, ricca stoffa ma eccelsa raffinatezza, il classico guanto di velluto in pugno di acciaio. Vino inarrivabile come il prezzo delle viti.

(Daniel Thomases)

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli