02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & ARCHEOLOGIA

Cantine Pellegrino custodi di cultura: nuovi rilievi sugli stampi in gesso della Nave Punica

Recuperata nel 1969, un team di esperti in architettura e archeologia navale torna dalla griffe storica siciliana, per creare fedeli modelli in 3D

Il vino, e quindi le cantine che lo producono, sono per definizione custodi di tradizione e cultura, legata sì alla terra e all’agricoltura, ma spesso anche alla storia e perfino all’archeologia. È il caso delle Cantine Pellegrino, storica griffe enoica siciliana, che ha sempre portato avanti la mission di valorizzazione del territorio e della sua vasta cultura e tradizione, che ha contribuito al recupero del relitto della Nave Punica, avviato nel 1969, oggi esposta al Museo Archeologico Regionale Lilibeo di Marsala. E proprio nei giorni scorsi, un team di esperti in architettura e archeologia navale guidato da Giulia Boetto (ricercatrice e vicedirettrice del Centre Camille Jullian dell’Università Aix Marseille-CNRS) e da Mateusz Polakowski (dottorando dell’Università di Southampton), è stato ospite delle cantine per effettuare il rilievo digitale con uno scanner laser dei calchi in gesso della Nave Punica, donati come segno di riconoscimento per l’impegno fondamentale dall’archeologa Honor Frost, che aveva scoperto lo storico reperto, per farne dei modelli 3D fedeli. I calchi in gesso, in scala 1:1, non hanno solo un valore simbolico ma, in linea con la filosofia delle Cantine Pellegrino, sono veri e propri “testimoni” culturali, di forme e particolari della nave, che essendo di legno, è destinata a deformarsi e rovinarsi.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli