02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EDITORIALE

Che cos’è il Trentodoc

Il Trentodoc (marchio collettivo territoriale nato nel 2007, che contraddistingue la maggioranza dei produttori di metodo classico a Doc Trento) è uno spumante particolare: nasce infatti in una Regione come il Trentino, con quote altimetriche che vanno dai 400 ai 700 metri sul livello del mare. Questo areale ha più di qualche analogia, soprattutto dal punto di vista climatico, con la Champagne ed anche i vitigni (Chardonnay, Pinot Nero e, marginalmente, Pinot Meunier) sono gli stessi della zona dove si produce il più famoso spumante del mondo. Le altre aree spumantistiche d’Italia hanno caratteristiche pedoclimatiche differenti, composizione varietale spesso diversa e nei loro prodotti non sempre è possibile ritrovare quella fragranza acida e quella nettezza aromatica, che contraddistinguono i Trentodoc come “bollicine di montagna”. Mentre nella Champagne i tre vitigni principali sono coltivati in percentuali molto simili (all’incirca 1/3, 1/3, 1/3), in Trentino risulta nettamente prevalente lo Chardonnay (nell’ordine del 70-80 %). Le zone di produzione, ovviamente, privilegiano quelle aree situate in giacitura collinare o addirittura pedemontana, perché solo qui le uve maturano lentamente e solo qui assistiamo a forti escursioni termiche tra il giorno e la notte (anche 18-20°C di differenza) nel periodo compreso tra l’invaiatura, cioè quando l’uva comincia a cambiare colore, e la vendemmia. Questo consente di conservare prima nell’uva, poi nel mosto e nel vino, ed infine nello spumante quella determinante struttura acidica, base fondamentale per garantire allo spumante il suo carattere più intrigante.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli