02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

DA NON PERDERE - DALLA TENUTA “IL BORRO”, LA COLLEZIONE ESCLUSIVA DI INCISIONI STORICHE SUL VINO DI FERRUCCIO FERRAGAMO IN MOSTRA A FIRENZE (GOLDEN VIEW, FINO A GIUGNO): CAPOLAVORI DA REMBRANDT A POUSSIN, DA MANET ALLE MODERNE AFFICHE PUBBLICITARIE

Stampe che parlano di vino, della sua storia e delle sue tradizioni, un affascinante percorso alla scoperta della tecnica incisoria, dall’acquaforte di uno dei più famosi maestri fiamminghi del Seicento, Rembrandt, fino alla moderna cromolitografia utilizzata nell’affiche pubblicitaria dei primi del Novecento. La storia della vite e del vino si mostra allo spettatore attraverso il punto di vista privilegiato della storia dell’arte, dalle mitologiche origini tramandateci dalla tradizione classica, ora esemplificata dalle incisioni tratte da Francesco Albani (1578 - 1660) e Nicolas Poussin (1594 - 1665), fino all’interpretazione religiosa che ci propone Rembrandt (1606 - 1669) o alla visione laica e moderna di Manet (1832 -1883). E’ da non perdere “Calici d’Arte”, la rassegna che vede la collezione esclusiva di incisioni storiche di proprietà di Ferruccio Ferragamo, esposte solitamente alla tenuta Il Borro, itinerante, e solo per questa occasione, da oggi fino a giugno, al Golden View Open Bar nel cuore di Firenze.
Creata dalla celebre cantina di proprietà della famosa griffe fiorentina della moda, “Calici d’Arte” è la rassegna pensata ad hoc per coniugare la degustazione dei vini con l’arte, rappresentata da una prestigiosa serie di stampe, autentici capolavori di grandi artisti: una selezione di incisioni della collezione privata di Ferruccio Ferragamo (da Alphonse Charles Masson da Nicolas Poussin - “Baccanale” - 1869, a Albert Stolz - “Rathauskelle r der Stadt Bozen Südtirol” - 1905 ca., da Eduart Manet - “Il Chitarrista Spagnolo” - 1861, a Domenico Vito - “Albero Genealogico” - 1584) che dalle stanze della tenuta Il Borro vicino ad Arezzo diviene itinerante per permettere di essere ammirata a pochi passi da Ponte Vecchio, dall’Arno e dal Corridoio Vasariano a Firenze.
Tra le iniziative correlate alla mostra c’è “Albero DiVino!”, l’aperitivo ad emissioni zero al Golden View in collaborazione con Treedom (info: www.treedom.it): le emissioni verranno infatti neutralizzate piantando alberi in un’area deforestata del Senegal. Ad ogni calice di proprio vino ordinato, Il Borro regalerà un albero da piantare, a nome degli appassionati o a nome di una persona cara. E il 15 maggio sempre al Golden View, ci sarà un evento di beneficenza a favore della Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze.
Info: www.ilborro.it

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli