02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Dopo Coravin arriva una nuova rivoluzione nel mondo del vino, il decanter che può mantenerlo inalterato fino a 12 giorni. Eto, creato dal designer inglese Tom Cotton, ha già raggiunto con la campagna di crowdfunding Kickstarter 90.000 sterline

Italia
Dopo Coravin arriva una nuova rivoluzione nel mondo del vino, il decanter Eto

Come Coravin aveva rivoluzionato un po’ il modo di servire il vino (https://goo.gl/AN1PvJ) probabilmente “Eto” rivoluzionerà quello della sua conservazione. Lo speciale decanter infatti è in grado di preservare il vino fino a 12 giorni, ed è anche un pezzo di design elegante e bello da vedere. Un’idea del designer Tom Cotton, che ha chiamato così la sua invenzione per le sue origini gallesi (“Eto” significa “ancora”).
La campagna di crowdfunding Kickstarter, lanciata il 6 giugno, aveva già raggiunto la cifra di 55.000 sterline la mattina dell’8 giugno. Adesso ha quasi raggiunto la cifra di 90.000 sterline, e c’è ancora tempo fino al 6 luglio, giorno di chiusura della campagna.
Ma da dove arriva l’idea del designer Cotton di poter conservare così a lungo il vino? Uno studio condotto da Laithwaite, uscito ad Aprile, ha mostrato che una famiglia media britannica butta due bicchieri di vino alla settimana.
“Era la mia priorità risolvere il problema attraverso il design, unito al mio amore per il vino, che mi ha spinto a creare Eto”, ha dichiarato Cotton a Decanter.com.
Spingendo giù il collo del brevetto si crea una tenuta stagna tra il vino e l’aria, che si blocca quando raggiunge il vino, spiega il designer di Eto. Ciò impedisce all’ossigeno di interagire con il vino e influenzarne i sapori.
“Dopo 7 giorni in Eto non c’era alcuna differenza di gusto dalla bottiglia appena aperta”, ha detto Tom Harrow, wine director presso il wine merchant Honest Grapes di Londra. Si prevede che Eto sarà venduto al prezzo di 79 sterline.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli