02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Emendamento enoturismo “finalmente anche in Italia si potrà essere operatori enoturistici a tutti gli effetti”: così il segretario Uiv Paolo Castelletti. Movimento Turismo del Vino e Città del Vino: “grazie a Stefàno e gioco di squadra con Ministero”

“Siamo ad un passo dal riconoscimento normativo dell’attività enoturistica, un momento storico per il nostro Paese. L’emendamento inserito in finanziaria recepisce i punti principali del ddl Stefàno e definisce il quadro fiscale e legislativo entro cui, finalmente, anche in Italia si potrà essere operatori enoturistici a tutti gli effetti”. È il commento del segretario generale dell’Uiv-Unione Italiana Vini Paolo Castelletti sull’emendamento a prima firma Dario Stefàno passato questa notte in Commissione Bilancio del Senato, che inquadra per la prima volta l’enoturismo in una cornice normativa propria e assolutamente nuova. “Grazie al senatore Stefàno, al Ministro Martina e a tutte le forze politiche che si sono impegnate a fondo per raggiungere questo risultato - aggiunge Castelletti - adesso è necessario un ultimo sforzo per la definitiva approvazione alla Camera. Ma poi, in seguito, vogliamo e dobbiamo continuare a lavorare per vedere approvato integralmente il disegno di legge sul turismo del vino che contiene altri elementi importanti per lo sviluppo di questa attività, strategica per il futuro dei territori e del nostro comparto”.

Anche “il Movimento Turismo del Vino esprime grande soddisfazione per l’emendamento che riconosce per la prima volta lo status giuridico-fiscale della pratica enoturistica - sottolinea il presidente Carlo Pietrasanta - un risultato raggiunto soprattutto grazie alla determinazione e alla perseveranza del senatore Stefàno, che ha ben compreso le istanze e le opportunità di un fenomeno in grande espansione con un indotto turistico di quasi 3 miliardi di euro l’anno. Ora confidiamo nel buon senso delle Aule in sede di approvazione della Legge di Bilancio per portare a termine entro Natale un iter legislativo considerato di straordinaria importanza non solo per il settore ma anche per i fruitori dell’enoturismo”.

Per il presidente delle Città del Vino, Floriano Zambon: “è un importante passo avanti per dare al turismo del vino ancor più solide basi operative. Adesso - afferma - occorre che l’iter della proposta di legge sull’enoturismo, che questo emendamento in parte ha accolto, possa continuare per la sua definitiva approvazione. Il settore ha bisogno di questa legge perché i territori del vino possano esprimere al meglio tutte le loro potenzialità turistiche e di accoglienza. Ringrazio Stefàno per il suo impegno e rinnovo la condivisione di questi comuni obiettivi con il Movimento Turismo del Vino”.

L’emendamento in Manovra, che anche grazie alla positiva interlocuzione con il Ministero delle Politiche Agricole riprende in gran parte le disposizioni proposte nel ddl Stefàno sulla introduzione della disciplina enoturistica, spiega una nota congiunta, prevede il via libera alle attività realizzate nei luoghi di produzione (degustazioni, didattica, iniziative ricreative, visite in cantina e altro), per cui basterà presentare la Scia (segnalazione certificata di inizio attività) al comune di competenza. Per l’attività le disposizioni fiscali previste saranno quelle contenute nella legge fiscale sull’agriturismo, mentre il regime forfettario dell’imposta sul valore aggiunto sarà applicato solo per i produttori agricoli che svolgono la propria attività nell’ambito di un’azienda agricola.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli