02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA SCELTA DELL'ENOTECARIO

Giuseppe Rinaldi, Docg Barolo Brunate 2010

Vendemmia: 2010
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 8.000
Prezzo allo scaffale: € 450,00
Azienda: Azienda Agricola Giuseppe Rinaldi
Proprietà: famiglia Rinaldi
Enologo: Marta e Carlotta Rinaldi
Territorio: Barolo

Niente compromessi. Un fortissimo legame (di famiglia) col territorio, sia antropologico che agricolo. Idee chiare (e scomode) difese a schiena dritta. Un uomo colto e ruvidamente schietto, ma capace di grande umanità e generosità. Beppe Rinaldi non è stato solo un grandissimo produttore di Barolo “vecchia maniera”. Tramite il suo lavoro ha difeso, sì, un'idea di vino, ma anche un'idea di terra e di società. Si è esposto in prima persona (forse anche soffrendone l'impegno e le aspettative che ne conseguirono) per tentare di ridimensionare scelte dettate dal mercato, ormai egemonico: dalla tendenza a piantare il richiestissimo Nebbiolo anche in terreni non tradizionali, all'aumento stesso della superficie vitata (in barba all'erosione del terreno); dalla speculazione sul valore dei terreni e dei vini, alla perdita di coesione umana conseguente alla ricchezza (troppo veloce) che ha investito la sua Barolo. Tutto questo ci diceva Giuseppe Rinaldi. Anche col suo vino: diritto, ma profondo. Che richiede attesa: per svelare la sua incredibile complessità aromatica e corporea; per ricordare il suo messaggio (ancora) rivoluzionario.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli