02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

“Ha inventato la cultura del vino siciliano, ed esportato nel mondo l’immagine di una terra con una grande storia”: la Sicilia premia Diego Planeta, prima firma del rinascimento del vino dell’Isola, da imprenditore e uomo innamorato della sua terra

Italia
Diego Planeta

Per un imprenditore, il miglior premio è sempre quello di vedere la sua azienda crescere nel mondo. Per un uomo innamorato del suo territorio, quello di averlo visto, dall’anonimato, rinascere e affermarsi a livello planetario. Diego Planeta, con la sua cantina, Planeta, tra le più prestigiose dell’Isola, e con la “sua” Sicilia, da pioniere del rinascimento enoico del vino siciliano, puntando anche su scienza e ricerca, anche da presidente Assovini (fondata nel 1998 insieme ad altri due grandi del vino siciliano, Giacomo Rallo di Donnafugata e Lucio Tasca, di Tasca d’Almerita), questi sogni li ha realizzati entrambi.
Ed è per questo che un premio come quello assegnatogli a Palermo dal Forum delle Associazioni della Regione Sicilia, ogni anno assegnato a personalità “che abbiano partecipato alla vita sociale, artistica, economica, scientifica in Sicilia e che abbiano operato con manifesti vantaggi per la collettività”, diventa importante per ricordare il suo operato. Quello di un uomo che, come spiega la motivazione, ha “inventato la cultura del vino siciliano, ed esportato nel mondo l’immagine di una terra con una grande storia”.
“Avete colto il senso di quell’idea attorno a cui, insieme a coloro che ci hanno creduto come me, ho lavorato in tutti questi anni: partire dalla terra e da lì generare valore per tutte le risorse, le persone e le comunità, la cultura e il paesaggio - ha scritto Diego Planeta, commentando il premio - se da una zolla brulla, coltivandola, saremo stati capaci di tirare fuori un quadro, uno scorcio di bellezza, di cura e di benessere, allora sapremo anche dialogare con consumatori attenti, consapevoli di acquistare un prodotto che viene da un pezzo di terra salvata, e con visitatori appassionati, curiosi di conoscere la Sicilia con sguardo autentico, mai da turisti ma piuttosto da ospiti, immediatamente pronti a sentirsi come a casa”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli