02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I RUSSI A “CACCIA” IN TOSCANA: DOPO L’ACQUISIZIONE DI GANCIA IN PIEMONTE, IL MILIARDARIO ROUSTAM TARIKO (A CAPO DI RUSSIAN STANDARD CORPORATION, 5 MILIARDI DI DOLLARI DI ASSET), A CACCIA DI UN “BUEN RETIRO” NELLA PATRIA DI DANTE

Italia
Roustam Tariko

Avere acquisito la maggioranza (70%) di Gancia, storica cantina italiana di Canelli, in Piemonte, dove nell’Ottocento è nato il metodo classico italiano, al ricchissimo russo Roustam Tariko, a capo della Russian Standard Corporation (società russa leader nella produzione di Vodka di alta gamma e nella distribuzione, i cui asset totali, che comprendono anche banche e assicurazioni, superano i 5 miliardi di dollari), non basta più, perché la bellezza e il fascino dei territori vinicoli italiani sono irresistibili. E, così, stando ai rumors, raccolti da WineNews, Tariko sarebbe a caccia di un “buen retiro” nell’altra patria nobile e storica del vino italiano, la Toscana, dove, pare, il russo starebbe cercando una tenuta circondata da terre e, ovviamente, olivi e vigneti. E, di certo, nella terra di Dante, di Leonardo, di Galilei e dei Medici, non mancano le possibilità di prestigio: dai territori del Chianti Classico a quello del Brunello di Montalcino, da quello del Nobile di Montepulciano alla Maremma, passando per Bolgheri, non c’è che l’imbarazzo della scelta (tante le offerte di realtà prestigiose immerse nella campagna toscana sul tavolo del magnate russo). Specialmente quando si hanno migliaia di milioni di dollari da investire ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli