02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il grande vino italiano torna tra gli appassionati mescolandosi all’arte e alla storia della città del Palio, con “Wine & Siena”, spin off del MeranoWineFestival. E, tra assaggi, due convegni nella storica Università: “Wine Job” & “Wine Identity”

Il grande vino italiano torna tra gli appassionati mescolandosi all’arte e alla storia di una città unica, tra location d’eccezione: sotto lo sguardo della Maestà di Simone Martini, o tra le storiche stanze della sede della Banca Monte dei Paschi, a Siena, il 27-28 gennaio, torna “Wine & Siena” n. 3, una sorta di “spin off” toscano, con 500 etichette e 150 produttori, del famoso Merano WineFestival, firmato da Gourmet’s International e Confcommercio Siena, con l’appoggio di Comune, Banca Monte dei Paschi di Siena, Università di Siena, che ospiterà due convegni sul mondo enoico: il 26 gennaio, all’Auditorium Santa Chiara Lab, di scena “Wine Job - I professionisti al servizio delle eccellenze del territorio”, dove si parlerà di numeri del vino, gestione della cantina nella ristorazione, sicurezza ed igiene alimentare, certificazioni, valorizzazione delle professioni del vino e valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze; ed il 27 gennaio, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università, sarà, invece, la volta di “Wine Identity - Il valore della sostenibilità”, per scoprire come si costruisce l’identità del vino, tenendo conto della dinamica della sostenibilità, anche come valore da sfruttare in ambito turistico per promuovere il territorio, con gli interventi, tra gli altri, di Francesco Frati, Rettore dell’Università degli Studi di Siena, Helmuth Köcher, presidente e fondatore del Merano WineFestival, e Alessandro Regoli, direttore WineNews.

Il cuore di “Wine & Siena”, però, saranno i due giorni a passeggio nel Medio Evo, per scoprire i migliori produttori vitivinicoli italiani, artigiani del gusto, prodotti tipici di eccellenza, tutti selezionati per il livello qualitativo dei loro prodotti: “Siena è una capitale del vino per qualità di prodotto e per numero di denominazioni di origine; in questo senso la Confcommercio Siena continua ad immaginare e impegnarsi su questo evento - dice Stefano Bernardini, presidente Confcommercio Siena - con l’obiettivo di continuare a scommettere, e far crescere, una grande opportunità. Che è quella di presentare e far vivere un territorio dove ci sono eccellenze in tutti i settori. Fondamentale, chiaramente, l’apporto dei soggetti che hanno partecipato e che continuano a dare la propria disponibilità”. “Wine & Siena vuole continuare a promuovere ed a valorizzare l’alta qualità della produzione italiana e da ormai tre anni sta diventando un appuntamento immancabile per addetti al settore e appassionati - dice Helmuth Köcher - tutto questo nello storico contesto della città di Siena, baricentro della realizzazione vitivinicola toscana. In Toscana, la regione più vocata d’Europa alla produzione vitivinicola d’eccellenza, la città di Siena è la vera capitale italiana del vino”.

Info: www.wineandsiena.it

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli