02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il tappo a vite consolida la propria leadership nel Regno Unito ed in Australia, mentre gli Stati Uniti restano fedeli al sughero naturale. Ecco il mondo delle chiusure raccontato dall’ultimo rapporto di “Wine Intelligence”

Italia
Il mondo dei tappi secondo Wine Intelligence

Il tappo a vite consolida la propria leadership nel Regno Unito ed in Australia, mentre gli Stati Uniti restano fedeli al sughero naturale. È il mondo delle chiusure raccontato dall’ultimo rapporto di “Wine Intelligence” (www.wineintelligence.com), “Closures Trends in Australia, Uk & Us”, che se da una parte registra il sempre maggior apprezzamento dei consumatori di Australia ed Uk per lo screw-cap, dall’altra ne evidenzia le difficoltà negli Stati Uniti.
Nel Nuovissimo Mondo il 55% dei wine lover indica proprio il tappo a vite come chiusura preferita, contro il 38% del sughero naturale, mentre in Gran Bretagna la percentuale scende al 40%, allo stesso livello del sughero, ampiamente preferito allo screw-cap, al contrario, negli Stati Uniti, dal 64% sei consumatori, contro il 21% di chi indica il tappo a vite. Una discrepanza che prende le mosse dall’analisi dei dati degli ultimi 7 anni, che rivelano come sia strettamente correlata alla frequenza di utilizzo: il 70% dei consumatori di Australia e Uk, infatti, compra almeno una bottiglia di vino chiusa con il tappo a vite ogni 4 settimane. Per il tappo di sughero, la buona notizia è che il suo utilizzo è ancora fortemente associato al vino di qualità, in tutti e tre i mercati analizzati, anche se la differenza maggiore è proprio in Usa, dove il prezzo medio di una bottiglia chiusa con il tappo di sughero naturale è di 15,85 dollari, contro i 9,42 dollari della bottiglia chiusa con il tappo a vite.
“I nostri dati - commenta Richard Halstead, Ceo di Wine Intelligence - suggeriscono che il tappo a vite ha consolidato il suo peso nell’industria delle chiusure, nel Regno Unito e in Australia, ma confermano anche che gli americani hanno ancora un atteggiamento molto diverso. Anche qui, comunque, ci sono evidenze del fatto che il tappo a vite si sta facendo strada, con il 42% dei consumatori che hanno acquistato un vino con il tappo a vite nelle ultime 4 settimane, mentre una minoranza significativa di consumatori resta scettica”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli