02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SPARKLING WINE

In Uk il Prosecco è sempre la bollicina preferita, ma rallenta la crescita complessiva dei consumi

L’analisi di Wine Intelligence: spumanti ancora vini da occasione più che da pasto, e cresce tra i consumatori la voglia di provare cose nuove
sparkling, UK, WINE INTELLIGENCE, Mondo
Prosecco spumante top in Uk, ma la crescita dei consumi rallenta

Il Regno Unito si conferma terra di conquista per il Prosecco: lo spumante veneto-friulano, nelle sue versioni Doc e Docg, è il resta il preferito in assoluto degli Inglesi, anche se la crescita dei consumi complessivi rispetto al passato sta un po' rallentando (+4% nel 2017 sul 2016, rispetto al +8% del 2016 sul 2015). In ogni caso, in Uk, che è il mercato n. 6 per le bollicine a livello mondiale, almeno 3 consumatori su 4 hanno bevuto Prosecco almeno una volta nell’ultimo anno.A dirlo l’ultimo report “Sparkling Wine in the UK Market 2018” di Wine Intelligence, che evidenza anche altri aspetti interessanti per i produttori di bollicine.
Intanto, emerge che le bollicine non sono ancora considerato un vino da pasto, ma da occasione e da momenti di socialità, spesso non legati allo stare a tavola. Inoltre, se la maggior parte dei consumatori guarda al Prosecco, c’è un nutrito gruppo, soprattutto fatto di donne tra i 18 ed i 34 anni, che rappresenta oltre un terzo dei consumatori di spumanti, che inizia a voler esplorare anche altri tipi di bollicine. E se è un dato evidente, sebbene con numeri ancora contenuti, la crescita degli sparkling wine inglesi, il riferimento quando si parla di qualità assoluta, per i consumatori Uk, resta sempre lo Champagne, anche se le celebri bollicine francesi, secondo i britannici, hanno un rapporto qualità prezzo poco vantaggioso. Non è un caso che tra i criteri di scelta di acquisto principali ci siano le promozioni e le offerte di enoteche e grande distribuzione, al pari della riconoscibilità dei marchi e dei consigli di amici e familiari.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli