02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia produttore n. 1 al mondo di spumanti, con 660 milioni di bottiglie (soprattutto Prosecco), superata dopo 20 anni la Germania. Così l’Osservatorio Vini Spumanti. Il Ministro Martina: “avanti con protezione e promozione nel mondo”

Italia
Italia produttore n. 1 al mondo di spumanti, con 660 milioni di bottiglie

Nel 2017 l’Italia ha prodotto 660 milioni di bottiglie di spumante, soprattutto grazie al “Sistema Prosecco” (che, tra Doc e Docg, ne mette insieme quasi 500 milioni, ndr), ed è diventata il più grande produttore di bollicine al mondo, “scalzando la Germania che, per 20 anni, ha detenuto il primato”. Lo annuncia l’Ovse, l’Osservatorio Economico Vini Effervescenti Spumanti Italiani. Con il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, che, su Twitter, commenta: “dopo 20 anni di primato della Germania, siamo i primi produttori al mondo di spumanti. #Avanti nella protezione e promozione internazionale dei nostri vini, per vincere la sfida del valore #madeinitaly”.
“In Italia - sottolinea il presidente Ovse, Giampietro Comolli - nel 2017 cresce ancora il consumo interno sul 2016; dato in controtendenza fra i Paesi europei produttori di bollicine con consumi in calo. Nel 2017 si sfiorano i 180 milioni di tappi made in Italy stappati da Nord a Sud, cui aggiungere 6 milioni di bottiglie di importazione, con un quasi monopolio stabile dello Champagne ma con meno marchi noti, e più piccole maison. Il valore al consumo del comparto nazionale è di 1,32 miliardi di euro, cui aggiungere 200 milioni euro dall’importazione, per un giro d’affari totale di 1,5 miliardi di euro”.
Su 180 milioni bottiglie bevute in Italia, precisa l’Ovse, il “metodo tradizionale italiano” (Franciacorta, Trento, Alta Langa, Alto Adige, Oltrepò, Lambrusco e tutti quelli regionali) supera i 24,8 milioni di bottiglie, mentre delle 156 milioni di bottiglie di “metodo italiano” 132 milioni di bottiglie sono “griffate” Prosecco, oltre 8 milioni Asti, e altri spumanti.


Il 2017 segna dunque “crescita di volumi e valori - sintetizza Comolli - rispetto al 2016, pari al +1,4% e +0,5%. Il sistema Prosecco rappresenta oltre il 70% dei consumi nazionali.”.
Tra le referenze, secondo l’analisi dell’Osservatorio economico Ovse, “grande recupero dei leader nazionali come Ferrari, Berlucchi, Bellavista per il metodo tradizionale, ma bene anche Carpenè Malvolti, Val d’Oca, Mionetto, Villa Sandi, Astoria, Ruggeri per il Prosecco. In proporzione, ancora meglio i dati definitivi provenienti da nuove etichette e nuove cantine, soprattutto al Sud Italia, tuttavia ancora molto legate a un consumo provinciale e regionale, presenti quasi esclusivamente nella migliore horeca (hotel, ristoranti, catering) locale”.
Nei canali distributivi, conclude Comolli, “la grande distribuzione rappresenta sempre più il canale preponderane con circa il 51% degli atti di acquisto e il 58% dei volumi. L’acquisto diretto delle bollicine nel 2017 è quasi stabile, intorno al 20%, compreso cantine e dettaglio gastronomico. In crescita l’acquisto in horeca, oggi pari al 21%”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli