02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BOLLICINE ITALIANE

Italia regina delle bollicine: i dati Eurostat la incoronano prima esportatrice in Europa

Con 367 milioni di litri di vino, il 45% dell’export totale dell’Ue, l’Italia batte Francia (184 milioni di litri) e Spagna (183 milioni di litri)
BOLLICINE ITALIANE, EXPORT UE, Mondo
L’Italia conquista il primato di export di bollicine in Ue, davanti a Francia e Spagna

Se il 2018 sta per finire, e quindi con l’anno nuovo sarà l’ora di tirare le somme dell’anno appena finito, proprio l’ultimo giorno dell’anno l’Italia avrà un altro motivo per brindare con le bollicine, alle bollicine: secondo i dati Eurostat, il Belpaese è stato nel 2017 l’esportatore n. 1 nella Ue di bollicine con 367 milioni di litri di vino frizzante esportato, pari al 45% dell’export totale dei 28 Paesi dell’Unione, seguita da Francia e Spagna. A far raggiungere all’Italia il primato, sono stati soprattutto il Prosecco e l’Asti: in seconda posizione ma distaccata di quasi la metà arriva la Francia, dove a farla da padrone è lo Champagne, con 184 milioni di litri, pari al 23% delle esportazioni europee; terza, quasi a pari merito, c’è la Spagna, grazie al Cava, con 183 milioni di litri pari sempre circa al 23%. A distanza seguono poi la Germania, che ha esportato 31 milioni di litri, pari al 4% del totale della Ue e la Lettonia, con 10 milioni di litri di vino esportato, che vale l’1% del giro d’affari europeo. Insieme, quindi, Italia, Francia e Spagna costituiscono il 91% dell’export di vino frizzante prodotto nell’Ue.
Ma chi è il fan n. 1 delle bollicine europee? Al n. 1 ci sono sicuramente gli Stati Uniti, che l’anno scorso hanno acquistato 127 milioni di litri di vino frizzante sui 315 milioni complessivi esportati extra-Ue, pari quindi al 40%. Seguono, ma con quantità decisamente inferiori, la Russia (32 milioni di litri, pari al 10%), il Giappone (26 milioni, 8%), la Svizzera (20 milioni, 6%), il Canada (14 milioni, 4%) e l’Australia (13 milioni, circa 4%).
Anche se marginali, l’Europa non solo produce e vende all’estero, ma importa anche bollicine: un volume pari a 7,4 milioni complessivi di litri, provenienti principalmente da Australia e Sudafrica (rispettivamente 1,9 milioni pari al 25%, e 1,7 milioni pari al 23%), che insieme costituiscono la metà dell’import. A seguire, altro vino frizzante arriva dal Cile (1,1 milioni di litri, 15%), Nuova Zelanda (0,6 milioni, 8%), poi Argentina, Usa e Moldavia (ognuno 0,4 milioni, 5%).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli