02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L’occasione fa l’uomo ladro (di vini pregiati): arrestato Nicolas De-Meyer, assistente personale del Co-Presidente di Goldman Sachs, per aver trafugato e rivenduto sotto alias centinaia di bottiglie di vini di lusso del suo capo

Se Nicolas De-Meyer, assistente personale del numero due di una delle banche d’affari più importanti del mondo, l’americana Goldman Sachs, sperava che il suo superiore David Solomon - un rinomato collezionista di vini di lusso, con una cantina da oltre 1.000 bottiglie nel suo appartamento di Manhattan - non si sarebbe mai accorto di eventuali mancanze in cantina, si sbagliava, o quantomeno, sarebbe dovuto essere decisamente meno ingordo. Secondo quanto riportato da “Bloomberg” (www.bloomberg.com), il quarantenne De-Meyer è stato arrestato a Los Angeles con l’accusa, poi formalizzata in un tribunale newyorkese, di aver trafugato bottiglie per un controvalore di circa 1,2 milioni di dollari, incluse, poco prima del suo licenziamento, sette di Domaine de la Romanée-Conti, precedentemente acquistate dal suo capo per oltre 133.000 dollari.
In qualità di assistente personale di Solomon dal 2008, De-Meyer aveva anche il compito di ritirare i vini acquistati dal suo superiore e di stoccarli nella sua cantina, e a quanto si legge nell’atto di accusa, a partire dal 2014 avrebbe costantemente “alleggerito” le spedizioni in arrivo, rivendendo poi le bottiglie a un merchant della Carolina del Nord usando uno pesudonimo. Nel novembre del 2016 Solomon, che fra l’altro viene dato da rumors come in pole position per la successione all’attuale ad di Goldman Sachs Lloyd Blankfein, si sarebbe finalmente accorto dell’ammanco, licenziando e denunciando De-Meyer. Il suddetto ha però pensato bene di rendersi irreperibile all’estero, e solo dopo oltre un anno è stato nuovamente localizzato dalle forze dell’ordine all’aeroporto di Los Angeles: dato che ha pensato bene di rivendere il maltolto tramite un soggetto di un altro Stato, il suo reato è divenuto federale, con una condanna potenziale ad oltre dieci anni di prigione.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli