02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ognissole, Doc Castel del Monte Rosato Pontelama 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Nero di Troia
Bottiglie prodotte: 15.000
Prezzo allo scaffale: € 11,50
Azienda: Ognissole
Proprietà: Antonio Capaldo
Enologo: Luca D’Attoma
Territorio: Puglia

Dei progressi enoici della Puglia s’è detto tanto, negli ultimi anni. Ognissole, una delle cantine ruotanti attorno ai molti progetti di Feudi di San Gregorio, è fra gli esempi più dinamici in assoluto, a partire dal nome: di origine greca e riferito a quel Leonida da Taranto che già nel III secolo a.C citava quei luoghi come ricchi, per l’appunto, di tantissimo sole. Nel dettaglio, due i nuclei produttivi dell’azienda: uno collocato sull’altopiano di Gioia del Colle, destinato al primitivo, e l’altro (denominato Cefalicchio) fra Canosa di Puglia e Castel del Monte. Il secondo, certificato come biodinamico dopo aver iniziato la sua conversione dal 1992, è costituito da ventisette ettari di vigna prevalentemente basati su nero di Troia, bombino bianco e moscato bianco. Dal 2017 è Luca D’Attoma, enologo che ha sempre prestato tanta attenzione al mondo biologico e biodinamico, a seguirne sotto l’aspetto tecnico la cantina: al punto che proprio dall’ultima annata si è deciso di procedere per il Pontelama con alcune innovazioni, legate alla vinificazione all’interno di tre diversi materiali (terracotta, acciaio e cemento) prima di un affinamento di ulteriori sette mesi. Di un colore rosato intenso, risulta accattivante il gioco di sponda fra agrumi, frutta secca, ribes e pepe. La bocca, morbida e di beva, vede poi un tannino appena pronunciato a contrastare felicemente il palato.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli