02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Parte il balletto delle cifre sull’export di vino italiano: secondo Coldiretti nel 2017 chiusura a 6 miliardi di euro, nuovo record, in crescita del 7% sul 2016. Usa, Germania e Uk i principali mercati, crescita importante in Russia e Cina

Italia
Record di 6 miliardi di export nel 2017 per il vino italiano secondo la Coldiretti

Nonostante diversi osservatori abbiano sottolineato come, nel 2017, la corsa delle esportazioni di vino italiano in mercati strategici come Usa, Germania e Uk abbia subito un certo rallentamento, almeno prima delle feste, l’anno appena chiuso, secondo Coldiretti, ha segnato un nuovo record per l’export enoico: 6 miliardi di euro, con una crescita del 7% sul 2016, secondo l’organizzazione agricola.

Nel 2017, sostiene la Coldiretti, le esportazioni avrebbero avuto” un incremento in valore del 6% negli Usa che sono di gran lunga il principale cliente anche se per il 2018 pesa l’impatto del supereuro che ha raggiunto il massimo da tre anni. L’aumento è stato del 3% in Germania al secondo posto e dell’8% nel Regno Unito che nonostante i negoziati sulla Brexit resta sul podio dei mercati italiani. In termini di aumento percentuale però la migliore performance con un balzo del 47% viene fatta registrare dalla Russia dove il vino è uno dei pochi prodotti agroalimentari Made in Italy non colpiti dall’embargo. Buona anche la crescita del 25% in Cina dove tuttavia la presenza rimane limitata rispetto ai concorrenti francesi che hanno superato quest’anno l’Italia anche sul mercato statunitense”.

A spingere la crescita del vino italiano - sottolinea ancora la Coldiretti - sono soprattutto le bollicine che fanno registrare un aumento delle vendite all’estero del 15% in valore nel 2017 con il record storico dell’esportazioni all’estero vicino a 1,2 miliardi.

“Tra le novità di quest’anno - continua la Coldiretti - si registra nel 2017 anche la svolta sulle tavole degli italiani con un aumento record degli acquisti delle famiglie trainato dai vini Doc (+5%), dalle Igt (+4%) e degli spumanti (+6%), secondo l’ analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea del primo semestre dalla quale si evidenzia che, dopo aver conquistato bar e ristoranti, si registra complessivamente un balzo del 3% anche tra le mura domestiche, con una profonda svolta verso la qualità come dimostra il fatto che a calare sono solo gli acquisti di vini comuni (-4%). Dopo che negli ultimi 30 anni i consumi di vino si sono più che dimezzati toccando il minimo storico dall’unità di Italia con una stima di 33 litri a persona alla anno, il calo - sottolinea la Coldiretti - si è arrestato anche se i livelli nazionali restano di molto inferiori a quelli della Francia dove il consumo di attesta sui 45 litri”.

“Il futuro del made in Italy dipende dalla capacità di promuovere e tutelare le distintività che è stata la chiave del successo nel settore del vino dove ha trovato la massima esaltazione la valorizzazione delle specificità territoriali che rappresentano la vera ricchezza del Paese - ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo - il vino italiano è cresciuto scommettendo sulla sua identità con una decisa svolta verso la qualità che ha permesso di conquistare primati nel mondo”.

“La crescita all’estero, in valore ed in volume, è una ottima premessa dopo una vendemmia che - dice ancora la Coldiretti - si è classificata tra le più precoci e scarse del dopoguerra con un taglio della produzione del 26% rispetto allo scorso anno. Addio nel 2018 dunque ad una bottiglia di vino Made in Italy su quattro, anche se l’Italia mantiene comunque il primato mondiale tra i produttori, davanti alla Francia, con circa 40 milioni di ettolitri destinati - precisa la Coldiretti -per oltre il 40% ai 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc) e ai 73 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30% ai 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30% a vini da tavola”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli