02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SPUNTATURE

Quali dei due?

Da più parti si considera la produzione di un vino ottenuto da un solo vitigno come il miglior modo perché risulti un prodotto originale e veramente in grado di "trasmettere" il territorio", come si dice con non piccola semplificazione. Anche il Soave sarebbe quindi soggetto a questa legge non scritta, per aumentare ulteriormente il suo carattere e la sua personalità. Ma in terra di Soave esistono due varietà che potrebbero giocarsi questa partita: la Garganega e il Trebbiano di Soave. Senza entrare nelle "beghe" legate al disciplinare di produzione del vino bianco veneto (che in realtà prevede un uvaggio tra Garganega, Trebbiano di Soave e Chardonnay e la possibile aggiunta di altre varietà, anche, benché con percentuali, nel Soave Superiore Docg), chi scegliere? La Garganega, come molti altri vitigni a bacca bianca italici, rientra nella categoria "neutra", non possedendo una aromaticità spiccata, ma un piccolo patrimonio di profumi di cui la mandorla e i fiori bianchi sono i più nitidi. In più è varietà tardiva, non ha un’acidità preponderante, ma piuttosto un equilibrio di estratti e zuccheri. Il Trebbiano di Soave, invece, ha qualche parentela (e forse molto di più) con il Verdicchio. Alcuni aromi di mandarino o cenni di anice lo avvicinano molto alla varietà marchigiana, mentre è del tutto lontana dal Trebbiano toscano, essendo più spargolo, meno vigoroso e quindi meno produttivo. Unici nei la sua precocità e la sua rarità. E dunque che scelta fare? Alcuni produttori, in realtà, hanno già fatto le loro e non mancano Soave da Garganega in purezza o da solo Trebbiano di Soave. Vedremo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

TAG: SOAVE

Altri articoli