02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Se il Brunello di Montalcino Riserva di Biondi Santi fa meglio del Sassicaia: nell’asta newyorkese di Sotheby’s i tre lotti da 12 bottiglie dell’annata 1990 aggiudicate a 6.738 dollari, contro i 3.675 euro toccati dalla griffe bolgherese

Quella volta che il Brunello di Montalcino Riserva di Biondi Santi surclassò il Sassicaia ... Sembra l’inizio di un racconto, e invece è la fine, o meglio, sono i risultati dell’ultima asta newyorkese di Sotheby’s, che ha portato sotto il martello 300 lotti, selezionatissimi, direttamente dalle cantine di cinque collezionisti, per un totale di 2,36 milioni di dollari raccolti, andati in parte a finanziare la charity brasiliana Instituto Solidare. Tra le griffe del Belpaese, come detto, c’è da sottolineare l’ottima performance del Brunello di Montalcino Riserva 1990 di Biondi Santi, che ha toccato, con tre lotti diversi da 12 bottiglie, i 6.738 dollari di aggiudicazione, sopra alle stime iniziali. E decisamente meglio delle 12 bottiglie di Sassicaia 1990, che non sono andate oltre i 3.675 euro, leggermente al di sotto delle aspettative. Bene anche il lotto da 7 bottiglie di Tignanello 1982, battute a 1.348 dollari, con il Brunello di Montalcino ancora protagonista, seppur con risultati diversi, di altre aggiudicazioni interessanti, come le 12 bottiglie di Vigna del Fiore di Fattoria dei Barbi vendute per 858 dollari, o le 5 bottiglie di Riserva 1993 Poggio al Vento di Col d’Orcia a 551 dollari.
Come sempre, ovviamente, sul podio dei top lot c’è il meglio di Borgogna, Romanée-Conti, inattaccabile re delle aste enoiche, con aggiudicazioni sempre abbondantemente sopra le stime: 6 bottiglie di Romanée Conti 1996 Domaine de la Romanée-Conti, così, hanno toccato i 134.750 dollari, 6 bottiglie di Romanée Conti 1988 Domaine de la Romanée-Conti sono state invece aggiudicate a 104.125 dollari, e altre 3 bottiglie di Romanée Conti 1996 Domaine de la Romanée-Conti battute a 58.800 dollari. Bisogna scendere molto, invece, per trovare il primo lotto fuori dalla Borgogna, con 12 bottiglie di Château Margaux 1990 vendute a 18.375 dollari, mentre il primo lotto non francese arriva dalla Spagna, con le 6 bottiglie di Vega Sicilia “Unico” 1962 aggiudicate a 5.875 dollari.
Info: www.sothebys.com

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli