02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RICERCA SCIENTIFICA

Usa, cancellato studio sul rapporto tra alcol e salute, perché finanziato da big del beverage

La controversa decisione del National Institutes of Health americano, che ha sospeso lo studio da Mach15 da 100 milioni di dollari

La ricerca richiede fondi e, di solito, a finanziarla, è chi è interessato ad un certo argomento. Vale per qualsiasi settore, soprattutto se si parla di agricoltura e di cibo. E così, succede che produttori di carne e allevatori finanzino studi sugli effetti del consumo e della produzione delle carni, che i pastai facciano altrettanto, e così via. E vale anche per il mondo delle bevande alcoliche, ovviamente, e dei loro effetti sulla salute. Tema sempre caldo e controverso, che divide soprattutto in Nord Europa, dove il problema dell’abuso si fa sentire in maniera sensibile, ma non solo. E, aspetto non secondario, tema difficilissimo da dipanare, e delicato, che coinvolge molti aspetti, che vanno dalle ondate di proibizionismo di ritorno che ogni tanto si riaffacciano nel dibattito, alle norme che regolano il mercato, come quelle sull’etichettatura che, per esempio, l’Ue è pronta a cambiare inserendo in etichetta informazioni nutrizionali e così via. Ma ora, in questo senso, a fare notizia è la cancellazione di un grande studio dedicato alla relazione tra un moderato consumo di alcol e gli effetti sull’appartato cardiovascolare, il celeberrimo Mach15 (Moderate Alcohol and Cardiovascular Health), annullato perché i quasi 100 milioni di dollari con cui era stato finanziato, sono stati messi in campo, in gran parte, da grandi produttori di bevande alcoliche.
Cosa che ha spinto il National Institutes of Health in Usa, guidato da Francis Collins, nei giorni scorsi, a comunicare al Senato americano la cancellazione dello studio, per questione di “etica e credibilità”.
Da un’indagine interna, infatti, sarebbe emerso che buona parte dei 67 milioni di dollari di donazioni private, sarebbero arrivate da colossi come Anheuser-Busch, Carlsberg, Heineken, e Pernod Ricard, riporta wine-searcher.com. Una questione decisamente delicata da affrontare, che chiama in ballo un tema molto più ampio, che è quello dell’indipendenza della ricerca scientifica. Anche perché, è banale dirlo, studi ed indagini, nella stragrande maggioranza dei casi, sono finanziati da chi è a favore di una certa tesi, o da chi vuole smentirla. Che si parli di alcol, di cibo o di qualsiasi altro argomento.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

TAG: alcol, SALUTE

Altri articoli