02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

USA E CINA, LE NUOVE CONQUISTE DEL “VINITALY” DI VERONA

Il 26 ottobre a Miami, il 28 ottobre a San Francisco e, dal 24 al 26 novembre, a Shanghai: questo il road show del “Vinitaly” di Verona, che presenterà i prodotti degli operatori nazionali su due mercati più potenti del mondo, quello statunitense e cinese. Dopo l’esperienza di Mosca, Veronafiere sta definendo gli ultimi dettagli per gli appuntamenti autunnali negli Stati Uniti ed in Cina.

“Il nostro obiettivo - hanno spiegato Luigi Castelletti e Giovanni Mantovani, presidente e direttore generale di Veronafiere - è di offrire, grazie alla forza del nostro marchio, nuove occasioni promozionali e di vendita, in un mercato che rappresenta ormai la principale piazza di riferimento per il nostro export”.

Nonostante la flessione registrata dalle esportazioni nazionali (diminuite nel periodo gennaio/maggio 2004, del 9,3% in quantità, ma aumentate del 2,9% in valore), gli Usa rimangono uno sbocco fondamentale per il vino italiano, che detiene, con oltre il 32% in quantità ed il 31,5% in valore, la più elevata quota di mercato. La Cina é, invece, uno dei più interessanti mercati del futuro: si stima che il 7% di consumatori abbiano già un reddito paragonabile a quello degli occidentali. I dati evidenziano un’importazione di vini non superiore ai 400.000 ettolitri e si calcola che, entro il 2010, l'incremento sarà di altre 10 volte. Una tendenza alla crescita, che ricalca quella del Giappone negli anni scorsi, che coinvolgerà probabilmente più di 100 milioni di cinesi.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli