02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA GRIFFE

Venica, Doc Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2015

Vendemmia: 2015
Uvaggio: Sauvignon Blanc
Bottiglie prodotte: 41.000
Prezzo allo scaffale: € 40,00
Proprietà: Gianni e Giorgio Venica
Enologo: Gianni Venica
Territorio: Collio

Il Collio Friulano è una zona di vino bianco, di questo ci sono pochi dubbi. Già all’inizio del Novecento il 90% della produzione di questo lembo della provincia di Gorizia consisteva in vino bianco e le produzioni attuali, quelli della DOC, riconosciuta fin dal 1968, sono al 80% di vino bianco. La DOC comprende anche vino rosso, fatto principalmente con il Merlot, il Cabernet Sauvignon che raramente matura bene qui, e infine tracce di Refosco, Pignolo e Pinot Nero. Questione di clima: questo territorio di vino è tendenzialmente di clima fresco; i venti che scendono da nord e salgono dal mare Adriatico mantengono una temperatura molto propizia per il Pinot Grigio e Bianco, la Malvasia, il Friulano e il Sauvignon. L’ultima varietà è una delle specialità del goriziano e non sono poche le cantine che dicono, privatamente, che avrebbero molto piacere a basare principalmente i vini in bottiglia sul Pinot Grigio e Sauvignon, i due vitigni più soddisfacenti in queste colline. Innanzitutto a Cerò, accanto alla frontiera slovena, luogo particolarmente indicato per impianti di Sauvignon. Gianni e Giorgio Venica hanno capito questa vocazione molto tempo fa: è un dei retaggi di una proprietà con 80 anni di lavoro di successo. Il primo passo, dell’antenato Daniel, risale al 1930 con l’acquisto di una proprietà a Dolegna. I primi vini erano per il ristorante del luogo, all’inizio degli anni Settanta fu presa la decisione di offrire vini in bottiglia al pubblico, infine, con l’arrivo di Gianni e Giorgio, i nuovi concetti di mosti puliti, di temperature contenute, di fragranza, eleganza e persistenza che hanno trovato un riscontro immediato a partire da quasi 50 anni fa. Bisogna dire che la qualità del Sauvignon Bianco è stata compresa subito, le esitazioni poche e mai avvallate da questa famiglia che sapeva bene ciò che aveva in mano. Dolegna al Collio si trova al nord di Cormòns, infatti, e il fresco comincia a farsi sentire già a Ruttars: inconfondibile alle latitudini di questo comune. Il fatto che si vinifichino benissimo i Pinot, lo Chardonnay e, soprattutto, il Sauvignon - tutte uve precoci - è stato compreso a fondo dai Venica; una buona parte del blasone dell’azienda, sin dalla epoca del patriarca Adelchi, deriva dalla intuizione e intelligenza della generazione attuale. Non sono piccole produzioni: il Ronco delle Mele, più di 40mila bottiglie, è affinato sia in acciaio che in legno, un Sauvignon al cubo con note di pompelmo, sambuco, stoffa ed erbe dolci, è giustamente il vino bandiera della zona e della azienda, segno di una vocazione e di una vinificazione che ha indovinato tutto.

(Daniel Thomases)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli