02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MERCATI ASIATICI

Vino italiano in Cina, nasce la “Italian Wine Culture Association”

Con la guida ed il supporto dall’Ambasciata in Cina per la diffusione e la conoscenza della cultura vitivinicola italiana
CINA, VINO ITALIANO, Mondo
In Cina nasce la Italian Wine Culture Association

Il 2018 è partito col botto per il vino italiano in Cina: il primo trimestre le vendite verso il Dragone hanno raggiunto i 45 milioni di euro, e una quota di mercato che sale al 7%, complice l’exploit dei fermi imbottigliati (+41%), che rappresentano l’87% del prodotto importato. Numeri record per il mondo enoico del Belpaese, anche se il mercato cinese avrebbe molto di più da offrire. Le iniziative che le organizzazioni italiane stanno mettendo in atto per “conquistare” il mercato cinese partono dalla volontà della diffusione della cultura del vino, che sta alla base della conoscenza e del consumo del succo di Bacco italiano. Per ultimo, non certo in ordine di importanza, è stata lanciata dall’Ambasciata Italiana di Pechino la “Italian Wine Association”, associazione no-profit sotto la guida e il supporto dell’Ambasciata d’Italia in Cina, che vuole coinvolgere esperti di vino italiani in Cina e all’estero, cantine e imprese, media ed entità rilevanti nella diffusione della cultura della produzione vitivinicola del Belpaese nel paese asiatico, attraverso la promozione e la comunicazione, ma anche ricerca ed educazione ed eventi dedicati. In particolare, Jeff Gong, fondatore e segretario dell’Associazione, nonché capo redattore di WineITA.com, ha precisato il piano di sviluppo a lungo termine che caratterizza l’“Italian Wine Association” fin dalla nascita. Gong, ha enfatizzato sulla necessità e l’importanza che la solidarietà e l’apertura mentale hanno nel commercio di vino, così come per i commercianti e i professionisti del settore. L’Associazione ha sotto la sua organizzazione diversi comitati dedicati: dal Comitato degli Esperti, a quello dei Commercianti, fino al Comitato delle Cantine, del Restaurant & Food e dei Servizi.
Il Console Giovanni Brignone ha parlato alla cerimonia di presentazione a nome dell’Ambasciatore Francesco Ettore Sequi (assente perché in Italia per lavoro), auspicando il successo dell’Associazione, sottolineando come lo stabilire delle regole commerciali a lungo termine per una crescita sostenibile nelle primissime fasi sia il valore e la missione principale al momento, per assicurare lo sviluppo del commercio di vino italiano nel fiorente mercato cinese.
32 i membri fondatori dell’“Italian Wine Association”, numero destinato a salire ad almeno 50, entro il 2018.

Focus - I 32 membri dell’“Italian Wine Association”

WineITA.com
Shanghai SinoDrink Trading
Moncaro Alcoholic Beverages (Beijing)
Beijing Shengyanhengda International Trading
Guangzhou Interwine Fair Group
Terre Cortesi Moncaro
Fujian Weida Wine
Beijing Broad Vista Trading Company
BeiJing Jindahaili International Trade
Beijing Exquisite Aroma International Trade
Guangzhou Yiming import&export
Elite(Beijing) Commerical
Qingdao Long Vision Global International Inc.
We-Move (Shanghai) E-Business
Direct Wines
Montjeu Trading (Shanghai)
Miash (Shanghai Global Trading
Gran Mondo
T-ing Wine Space
Shenzhen Eurocino Wines
Le Grand pont de Europe et Asie International Trading
Beijing RCV Trade
Guangzhou YWYC Trade & Comm
European Food Ningbo Free Trade zone
Guangzhou Lefou Wines
Guangzhou Enote Trading
Yue Lang (Tian Jin) International Trading
Guangzhou Magnus Italian Products Trading
Zhuhai SeePower Trading
Global Gourmet Magazine
Hengqin Blanc Wine
Ianjin Brv Bailuowei International Trading

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli