02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

“VINO, PROTAGONISTA DI UN “ROMANZO STORICO”, PERCHÉ NESSUN ALTRO PRODOTTO DELL’UOMO HA AVUTO TANTO VALORE SOCIALE E CULTURALE NELLA STORIA. E L’ITALIA DEVE VALORIZZARLO”. DAL SEMINARIO “WINE & RUIN” A ROMA, PARLA IL PROFESSOR ATTILIO SCIENZA

Italia
Vino e eros nel disegno di César Famin dell’affresco romano dell’Osteria di Via Mercurio tra gli scavi di Pompei

“Il vino nella storia ha avuto una ricchezza di valori culturali e sociali immensa, e l’Italia, dove già prima dell’Antica Roma questa storia si è declinata in mille modi, ha il dovere di valorizzarla, di scrivere tanti “romanzi storici” di cui il vino è protagonista”. A dirlo il professor Attilio Scienza dell’Università di Milano da “Wine & Ruin”, il simposio di vino e storia del Norwegian Institute di Roma, in questi giorni nella capitale, focalizzato sull’importanza dell’Impero Romano per il valore del vino di oggi. Con tanta Italia: dalla testimonianza della cantina siciliana Planeta, oggi impegnata nel recupero del Mamertino, vino nel cuore di Giulio Cesare, a Capo Milazzo, a quella di Feudi di San Gregorio per un excursus storico della viticoltura in Campania, fino a quella di Giovanni Negri, autore di “Roma Caput Vini”, che ha raccontato come l’Impero Romano, con le sue conquiste, abbia avuto un ruolo fondamentale nella diffusione della viticoltura in Europa. E poi tanti storici e archeologi che hanno raccontato usi e costumi, tra alimentazione, religione ed eros, del nattare di Bacco nell’Antica Roma.
Info: www.vinogruin.no  

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli